“Filiera sporca”: il nostro podcast su filiere e caporalato

Agricola Mpidusa festeggia una bella alleanza fra agricoltura e commercio locale
13 Luglio 2022
Mostra tutto

“Terra – La filiera sporca” è la nostra prima serie podcast.

Un prodotto editoriale che racconta le lotte, il lavoro e le vite nel grande ingranaggio della filiera alimentare. Un viaggio che, attraverso le voci dei principali protagonisti (braccianti, giornalisti, ricercatori, attivisti e sindacalisti), attori e osservatori privilegiati delle battaglie sociali e delle azioni istituzionali, inizia nelle campagne italiane e finisce sugli scaffali di un supermercato.

Il podcast è disponibile sulle principali piattaforme di ascolto online (Apple Podcasts, Spotify, iHeartRadio, Google Podcasts, Castbox, Deezer, Podcast Addict, Podchaser e JioSaavn). Cinque episodi che ripercorrono la storia del bracciantato in Italia nel corso del Novecento, l’evoluzione delle filiere agroalimentari, la nascita dei supermercati e le nuove lotte per la giustizia sociale e i diritti in agricoltura nel XXI secolo.

Si parte dal primo processo per caporalato in Europa, quello raccontato nel libro “Uomini e caporali” (ed. Feltrinelli, 2016) da Alessandro Leogrande, uno dei più grandi giornalisti e scrittori italiani, morto prematuramente nel 2017 e presente con la sua voce nel podcast, e si finisce con la nascita del supermercato e il divieto delle aste al ribasso.

Passsando per Rosarno, nel 2010, poi a Nardò nel 2011, rivolte che, per la prima volta, spingono i lavoratori ad autorganizzarsi. Sono proprio questi eventi a rappresentare l’inizio di una cesura. Rosarno e Nardò porteranno infatti all’introduzione dell’art. 603-bis del Codice penale, che istituisce in Italia il reato di “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”.

Ma è solo nel 2016, con l’approvazione dell’attuale legge anti caporalato (Legge n.199), sulla scia dell’ondata di indignazione suscitata dalla morte di Paola Clemente, operaia pugliese addetta all’acinellatura dell’uva, che in Italia il reato e la prospettiva da cui guardarlo cambiano.

Tuttavia, resta intatto il sistema di filiera governato dalla Grande Distribuzione Organizzata, che comprime i prezzi dei prodotti generando ricadute lungo tutta la catena produttiva, con possibili riverberi sulle condizioni di lavoro dei braccianti.

Ed è su questo che noi di Terra! decidiamo di focalizzare il nostro lavoro, arrivando all’approvazione, nel novembre 2021, del divieto delle aste al ribasso, uno degli strumenti che la Gdo utilizza, per schiacciare sui produttori, il peso della filiera.

Per ogni tappa, una voce. Abbiamo deciso così di raccontarvi questi vent’anni circa di battaglie al caporalato, raccogliendo le parole di chi ha denunciato, raccontato e analizzato questo fenomeno.

Le voci che ascolterete sono quelle di:

Fabio Ciconte, direttore dell’associazione Terra!; Yvan Sagnet, uno dei protagonisti dello sciopero di Nardò; Antonello Mangano, scrittore e giornalista; Stefano Liberti, giornalista; Adele Cacciotti, sindacalista di Federbraccianti; Giovanni Mininni, Segretario generale Flai CGIL; Francesco Franzese, CEO dell’azienda “La Fiammante”; Maurizio Martina, ex ministro delle Politiche Agricole; Michele Colucci, ricercatore del Cnr. Numerose anche le voci d’archivio, tra cui quelle di Alessandro Leogrande e di Giuseppe Di Vittorio.

ll podcast è scritto da Marco Stefanelli e Lea Walter; la post produzione e il sound-design sono di Marco Stefanelli; le musiche originali di Alessandro Franco; la cura editoriale è di Eleonora Cavallari, Francesco Panié e Maria Panariello. 

La voce è di Veronica Altimari. 

Prodotto dall’associazione Terra! con il sostegno della Nando and Elsa Peretti Foundation. 

Comments are closed.