Filiere e caporalato

Filiere e caporalato

"Filiera Sporca" è la prima campagna, che ha forgiato, nel 2015, il nostro metodo di lavoro su filiere e caporalato.

Da quel momento, abbiamo iniziato a maturare infatti una prospettiva diversa, "di filiera", capace di tenere insieme tutti gli attori di un sistema, senza trascurare le più impercettibili connessioni.

Un approccio che è servito a denunciare le distorsioni della filiera agroalimentare; a costruire un dialogo con il mondo agricolo e produttivo; a fare pressione sulle istituzioni e a vincere importanti battaglie.

Questo sguardo ci ha permesso di non ridurre a cronaca i casi di sfruttamento, ma di inserirli all'interno di un meccanismo economico molto più grande, che produce povertà e precarietà. 

Raccontare lo sfruttamento di lavoratrici e lavoratori nelle campagne, senza raccontare lo strapotere della Grande Distribuzione Organizzata e la debolezza contrattuale dei produttori agricoli vorrebbe dire, infatti, mettere a fuoco solo una piccola parte del fenomeno, senza vedere lo schema più ampio, fatto di relazioni dominate da competizione sfrenata, prepotenza e prevaricazione.

Il nostro lavoro è portare allo scoperto quel filo che collega le campagne agli scaffali di un supermercato, per indicare poi una strada verso il cambiamento.

Scopri di più sul nostro lavoro



News



Scopri il nostro lavoro su Agricoltura e cambiamenti climatici


? Preferenze Cookies