descrizione immagine

Nel 2017, Terra! e il sindacato Flai CGIL hanno lanciato la campagna #ASTEnetevi, per l’abolizione delle Aste al doppio ribasso (aste elettroniche inverse) e della vendita sottocosto dei prodotti alimentari.

Abbiamo chiesto un intervento legislativo urgente al Ministro dell’agricoltura Maurizio Martina per mettere al bando le aste al doppio ribasso e un impegno formale da parte degli attori della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) a interrompere questa pratica.

Mai avremmo potuto immaginare che questa battaglia arrivasse a Bruxelles!

Abbiamo inviato una lettera al Ministro Martina e ai presidenti delle principali catene di supermercati (Auchan Italia, Carrefour Italia, Conad, Coop Italia, Crai, Despar, Esselunga, Eurospin, Interdis, Lidl Italia, Gruppo Pam Panorama, Selex, Sigma, Sisa, Sma Italia), chiedendo loro un impegno chiaro.  

Per sapere cosa sono le aste al doppio ribasso, scarica qui il rapporto #ASTEnetevi


DAL PROTOCOLLO CON LA GDO ALLA DIRETTIVA UE

Le nostre pressioni hanno spinto il Ministero dell’Agricoltura a proporre un protocollo che impegnasse gli aderenti a non utilizzare la pratica delle aste on line al doppio ribasso sui prodotti alimentari. A questo "accordo" è seguito un disegno di legge a prima firma Susanna Cenni, approvato alla Camera nel 2019.

Ma prima della fine del suo iter, è arrivato il recepimento della Direttiva europea che ha aggiunto le aste al ribasso all’elenco delle pratiche vietate.

Dopo cinque anni di campagna politica, il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legislativo (8 novembre 2021, n. 198) che attua la Direttiva Europea del Parlamento e del Consiglio Ue in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, in cui è inserito il divieto di acquistare prodotti agricoli e alimentari attraverso il ricorso a gare e aste elettroniche a ribasso (ART. 5). 

Da nazionale la nostra battaglia è diventata europea!

La pratica delle aste al doppio ribasso è stata utilizzata da alcuni distributori anche durante la pandemia.

L’ultimo caso che abbiamo denunciato infatti risale al marzo 2020, quando Eurospin ha organizzato una serie di aste al ribasso per acquisire prodotti della quarta gamma, le classiche insalate in busta. Questa volta, secondo le fonti da noi consultate, i ribassi sono arrivati al 30% rispetto al prezzo di produzione. 

COME NASCE LA CAMPAGNA?

La campagna #ASTEnetevi prende le mosse da tre inchieste sulla Grande distribuzione organizzata (GDO) da noi condotte e pubblicate sul settimanale “Internazionale”. Grazie alla risonanza di queste inchieste, dopo cinque anni di incontri con Ministeri e sigle della Gdo, abbiamo vinto una importante battaglia a livello europeo.

Leggi le inchieste: 

Supermercati, il grande inganno del sottocosto

Come il supermercato è diventato un’industria

Con le aste on line i supermercati rovinano gli agricoltori



NEWS

? Preferenze Cookies