Iscriviti alla Scuola della Terra – Emilio Sereni fino al 22 aprile!

Agricola Mpidusa collabora con Life Desert-Adapt per la biodiversità e la lotta al cambiamento climatico
4 Aprile 2022
Sul piano nazionale della PAC serve una drastica correzione di rotta
6 Aprile 2022
Mostra tutto

La relazione tra agricoltura e crisi climatica è sempre più evidente, con il settore produttivo che si ritrova ad essere principale vittima, ma anche concausa, dei mutamenti del clima.

Lo sviluppo della produzione agricola e zootecnica industriale e le nuove abitudini alimentari sono all’origine di un continuo aumento delle emissioni di gas serra, della desertificazione dei suoli e della riduzione della biodiversità.

Una nuova speranza viene dal ruolo che possono giocare i giovani nel cambiare un modello produttivo insostenibile per le persone e il pianeta. Per questo, è urgente un impegno, anche del mondo ecologista, ad accelerare il ricambio generazionale in agricoltura.

Di qui nasce la Scuola della Terra – Emilio Sereni, un percorso di formazione in agricoltura rivolto a giovani fino a 40 anni, che offre conoscenze e competenze per mettere in pratica un modello di produzione ecologica del cibo.

Ideata da Terra!, con il sostegno Nando and Elsa Peretti Foundation, la Scuola nasce per trasmettere conoscenze e competenze, ma anche per mettere in connessione i giovani con le aziende agricole. In questo quadro, la formazione, rivolta a 15 partecipanti, prevede una fase teorica (costruita sul modello blended learning, che intreccia tecniche digitali e analogiche) e una fase pratica (basata su momenti di confronto, visite in azienda e l’elaborazione di un project work, cioè l’ideazione di un progetto che metta in pratica quanto appreso durante il percorso formativo).

Il periodo della formazione durerà all’incirca un mese, per un totale di 140 ore tra lezioni teoriche, laboratori, visite in azienda

Nel 2022 la formazione avrà sede in Liguria, territorio caratterizzato da piccole aziende che coltivano terrazzamenti chiamati “fasce”. Un sistema agricolo dunque più sostenibile che in altre regioni, ma con difficoltà di accesso al mercato data la distanza fra i luoghi di coltivazione e i centri urbani dove avviene la distribuzione.

Al termine del percorso, in maniera partecipata verrà effettuata una selezione che porterà 3 dei 15 partecipanti a svolgere un tirocinio retribuito di 3 mesi nelle 3 aziende partner del progetto. Una risposta concreta ai tanti giovani che hanno bisogno di un supporto per avvicinarsi all’agricoltura.

Comments are closed.